Diritti fondamentali

Trattato dell’Unione Europea dichiara il rispetto della dignità umana, dello stato di diritto e dei diritti
democratici appartenenti a tutte le persone, ovvero i “Criteri di Copenaghen”. Eppure in Ungheria
– come in altre parti dell’Unione – vengono perpetrate sistematiche violazioni di questi principi: l’erosione
della società civile, l’erosione dell’indipendenza giudiziaria e l’erosione della trasparenza nelle
elezioni.

Introdurremo una Commissione di Copenaghen, un organismo indipendente che svolgerà indagini
sugli stati membri dell’UE sulla base giuridica dell’articolo 2 del trattato di Lisbona, che sancisce l’UE
come unione di valori democratici. La commissione sarà composta da rappresentanti delle corti costituzionali
e delle corti supreme dell’Unione, da difensori civici e dai movimenti della società civile.
Questa commissione potrà ricevere richieste di relazioni da parte delle istituzioni europee e avrà
anche l’autorità di indagare sulle violazioni dei diritti democratici e sulle violazioni dello stato di diritto.
Nel corso del tempo, questa Commissione potrebbe evolvere per svolgere funzioni di tribunale
costituzionale e funzioni di garante dello stato di diritto democratico nell’Unione europea.

Ma la protezione dei diritti democratici richiede che i cittadini abbiano il potere di lottare per sé stessi.
Riteniamo che le Corti nazionali ed europee meritino finanziamenti sufficienti per garantire che i
pubblici ministeri siano indipendenti da gruppi di interesse esterni. Ci batteremo per una maggiore
partecipazione dei cittadini alla difesa dello stato di diritto, facilitando l’accesso alla Corte di giustizia
europea. I cittadini devono avere il diritto di contestare la costituzionalità delle leggi davanti alla
Corte europea e l’accesso alla Corte dev’essere facile, efficiente e disponibile anche per chi non ha le
risorse per coprire i costi legali.

Please follow and like us:
RSS
Follow by Email
Facebook
Facebook
YouTube
Instagram