Commercio equo

La politica commerciale in Europa ignora la volontà democratica degli europei, rappresentando così una minaccia alla solidarietà tra i lavoratori di tutto il mondo. Meccanismi come l’ISDS (Investor-State Dispute Settlement) – che consentono agli investitori di citare in giudizio i governi che tutelano i loro lavoratori – sono ingiusti e vanno cancellati. TTIP, CETA, JEFTA e accordi simili non soddisfano neanche i più basilari standard democratici.

Crediamo che vi possa essere un sistema migliore, in cui gli accordi commerciali internazionali promuovano la prosperità e al tempo stesso migliorino la solidarietà dei lavoratori oltre i confini. Riconoscendo la necessità di sviluppare forme innovative di cooperazione transnazionale, ci coordineremo con partiti e movimenti che condividono le stesse idee per coinvolgere i cittadini, all’interno e all’esterno dell’Europa, e per trovare il modo migliore per mobilitare l’interdipendenza economica.

Durante i negoziati sugli accordi commerciali, Primavera Europea difenderà standard più elevati per proteggere l’ambiente, i diritti umani, la salute pubblica, i diritti dei lavoratori, i servizi pubblici, il benessere degli animali e i diritti dei consumatori, al tempo stesso consentendo la riduzione degli standard della proprietà intellettuale, se utile. Vigileremo affinché i dazi tra l’Unione Europea e gli altri partner non siano portatori di dumping sociale e ambientale e nei processi di produzione dei prodotti importati, e si includa la portata dell’impatto ambientale associato ai trasporti.

Primavera Europea respinge tutti i meccanismi che decretano una giustizia separata per le multinazionali.
Metteremo fine ai privilegi per le multinazionali e lo faremo attraverso qualsiasi forma di meccanismo di risoluzione delle controversie (ISDS) o simile, bloccando l’espansione del sistema nei trattati esistenti o in via di conclusione. Rifiuteremo qualsiasi tentativo di creare una Corte per gli investimenti multilaterali. Garantiremo invece la piena libertà normativa per le politiche ambientali e sociali senza la minaccia di contenziosi internazionali sugli investimenti.

Please follow and like us:
RSS
Follow by Email
Facebook
Facebook
YouTube
Instagram